www.viaggiclic.com
NewsPrenota alberghi ContattoPubblicitàCollaboraHomepage  

Macon
NEWS VIAGGI
L'estate a Kitzbühel sport e delle attività outdoor
Leggi la notizia...

Eventi Slow a Parma, Piacenza e Reggio Emilia dalla primavera 2019
Leggi la notizia...

Val d'Ega nel cuore delle Dolomiti ecco cosa offre...
Leggi la notizia...

L'8 marzo un viaggio speciale tra i castelli più belli del territorio di Parma, Piacenza e Reggio Emilia
Leggi la notizia...

Mercatini di Natale 2018 in Austria
Leggi la notizia...

Viaggiare slow destinazione Reggio Emilia tra cultura, natura e degustazioni
Leggi la notizia...

Notte di San Lorenzo al Castello di Petroia (PG) Un letto sotto le stelle ascoltando musica jazz
Leggi la notizia...

Consigli per una vacanza sicura: prevenzione e profilassi
Leggi la notizia...

Tanti eventi nel Parco del Delta del Po per l'estate 2018
Leggi la notizia...

Escursioni planetarie e astrovillaggi in Val D’Ega
Leggi la notizia...


Tutte le notizie...

 Macon
Francia - Francia centrale


Visitare Macon


Chiesa di S. Pietro - All'inizio del 19° secolo la città di Macon pensò di edificare una nuova chiesa e su progetto dall'architetto Berthier (allievo di Viollet-le-Duc), la chiesa di San Pietro fu costruita nel 1859 in stile neoromanico nel quartiere del Municipio. La facciata è a tre piani, con tre portali a tutto sesto rialzato (caratteristica del monumento che si ritrova in tutte le arcate, aperture e fineste) e i timpani ornati di bassorilievi in pietra. La facciata è racchiusa in mezzo a due campanili ottagonali, eleganti e sormontati da una guglia in pietra. L'interno è a tre navate e le pareti delle cappelle sono decorate da affreschi ottocenteschi. Degni di nota: il bassorilievo d'altare in marmo bianco nella cappella Notre-Dame-de-Lorette, scolpito da Perrache, artista lionese della fine del 18° secolo; il marmo funerario di epoca rinascimentale della tomba della famiglia Beauderon de Senecé; l'organo del coro, opera dell'illus! tre fabbricante Aristide Cavaillé-Coll (1866).


Place aux Herbes - Cornice perfetta per il mercato giornaliero estivo di fiori e verdura. Qui si trova la "Maison de bois" la più antica casa di Macon (all'angolo con la Rue Dombay): risale al 1500 ed è in stile rinascimentale, ornata da fini colonnette scolpite, oltre che da animali e figure grottesche e licenziose. Questo fece pensare che la casa fosse la sede di una confraternita "bacchica" abolita nel 1600 perchè eccessivamente libertina.


Ponte St Laurent - Prima ancora che Macon esistesse, si attraversava già la Saone grazie ad un guado. le legioni romane costruirono un ponte di legno durante la conquista della Gallia e solo nell'11° secolo fu realizzato un ponte in pietra con 6 arcate (la cui esistenza viene attestata per la prima volta nel 1077) che fu fortificato nel 1221. Importanti lavori furono realizzati fino al 1550 e fu allungato fino ad avere 12 arcate. Durante le Guerre di religione, conobbe ore tragiche: Guillaume de Saint-Point, governatore di Macon, vi gettava i prigionieri protestanti nella Saone. Fino al trattato di Lione del 1601 con il quale la Bresse fu riunita al Regno di Francia, Macon era una città di frontiera e come tale fortificata. Nel 18° secolo esso diviene l'oggetto di importanti lavori di restauro e di allargamento: vi si gode una bella vista sui lungofiume e sulle torri della Chiesa del Vecchio S. Vincenzo. In una nicchia è ospitata la statua di S! . Nicola, patrono dei battellieri. Il ponte fu uno dei rari ponti della regione a non essere stato distrutto durante la 2a guerra mondiale.


Musée Lamartine - E' ospitato nell'Hotel Senecé, dimora in stile reggenza costruito attorno al 1710 per Jacques de LaPorte signore di Marnay, che racchiude mobilio e dipinti d'epoca oltre ad arazzi d'Aubusson. Numerosi documenti (alcuni autografi) evocano la vita, l'opera letteraria e il ruolo politico di Lamartine. L'Hotel Senecé è anche la sede dell'Accademia di Macon, fondata nel 1805 e di cui nel 1811 Lamartine fu il più giovane membro.

Chiesa del Vecchio S. Vincenzo - Dell'antica Cattedrale situata vicino all'oppidum di Macon e dedicata a S. Vincenzo di Saragozza, risalente al 6° secolo e distrutta alla Rivoluzione, sopravvivono solo poche parti antiche: il nartece dell'11° secolo, due torri ottagonali e la parte che le unisce e si può distinguere il punto in cui iniziava la navata. Nel nartece si può vedere l'antico timpano (12° secolo) le cui sculture sono state mutilate durante le guerre di religione. Su cinque registri sovrapposti si sviluppano le scene del Giudizio Universale: si possono distinguere la Resurrezione dei Morti, il Paradiso e l'Inferno. Il Vecchio S. Vincenzo ospita attualmente un museo lapidario.

Fonte: Franca Fanti



Loading

Destinazione viaggio...

Quando vuoi partire?
Verifica quali sono le destinazioni migliori in ogni mese, oppure guarda i mesi più adatti per visitare un paese...

Scegli il mese...





Reportage di viaggio...
Reportage di viaggio Brasile
Croazia
Egitto
Francia
Germania
Grecia
Irlanda
Italia
Marocco
Norvegia
Olanda
Portogallo
Regno Unito
Repubblica Ceca
Repubblica Dominicana
Spagna
Svizzera
Usa

Schede delle nazioni...


Tutte le nazioni
Nelle schede delle nazioni, troverete tutte le informazioni utili per progettare il vostro prossimo viaggio.

Le località più cliccate
Egitto
Santo Domingo
Kenya
Mauritius
Messico
Thailandia
Sri Lanka
Ibiza

Privacy | Cookie | © 2008-2019 Golem100 Srl P.Iva 03550450963 - All rights reserved